.:: Apprendimento, gestione, organizzazione ::.


Versione archivio del portale Unioncamere

Home > Ago > Performance & Accountability > Linee guida Unioncamere > Linee guida al sistema di misurazione e valutazione della performance (2010)
Linee guida al sistema di misurazione e valutazione della performance (2010)

 L’obiettivo di queste linee guida è quello di supportare le Camere di commercio nella loro attività di elaborazione del Sistema di misurazione e valutazione della performance organizzativa ed individuale (”Sistema”) e, soprattutto,  nell’attività di redazione del documento che dovrà descriverlo.

La distinzione tra l’elaborazione e redazione permette di fornire, con più puntualità, elementi  conoscitivi utili per guidare le Camere di commercio:

nella definizione del Sistema. Il Sistema deve rispondere ad alcuni requisiti formali e sostanziali, utili:

  • per indirizzarne la definizione; 
  • per valutarne il livello di adeguatezza agli obiettivi di funzionalità e di utilità per l’Ente Camerale;
  • per valutarne il livello di adeguatezza a quanto previsto direttamente dal D.lgs n. 150/2009 (di seguito “Decreto”) e rispetto a quanto emanato dalla Commissione  per la valutazione, la trasparenza e l’integrità delle amministrazioni pubbliche (dai seguito “CiVIT”).
nella redazione del documento che descrive il Sistema. Il documento deve rispondere a requisiti formali e sostanziali che possono garantirne non solo la rispondenza a criteri funzionali, ma anche, e soprattutto, l’adeguatezza alla normativa. 
 
Nell'allegato viene presentato un lavoro di illustrazione e qualificazione delle componenti del sistema e, al tempo stesso, di chiarimento sui diversi punti che potranno caratterizzare la  redazione del documento che lo rappresenta, la cui adozione da parte dell’organo politico è propedeutica alla  definizione del sistema vero e proprio. Il lavoro non intende certo esaurire tutti i profili decisionali che la singola Camera dovrà curare, ma offrire una griglia interpretativa che possa consentire alla stessa di:
  • valutare la completezza e l’adeguatezza dei modelli già adottati;
  • collocare all’interno di un quadro più ampio e coerente le metodologie e le prassi già maturate  in risposta a quanto disposto dal DPR n. 254/2009 o in base a spinte all’innovazione
  • definire ex novo un Sistema adeguato alle proprie esigenze e caratteristiche organizzative.

 

Data di pubblicazione 03/06/2014 11:03
Data di aggiornamento 01/02/2019 14:54